You have 0 Item(s) in your cart. Total : 0,00

  • Lunedì - Venerdì 7:30 - 18:30/Sabato 8:00 - 12.30 Domenica Chiusi
  • 0742 356947 info@pnidraulica.it
Schiuma
Un sistema all’avanguardia che entra in gioco quando l’incendio generato può crescere con una grande velocità in tutte le direzioni
Quando si tratta di proteggere alcuni degli ambienti più pericolosi, quali impianti petrolchimici, raffinerie, piattaforme offshore e impianti per la produzione di energia, disponiamo di una gamma esaustiva di sistemi e soluzioni, da estintori portatili e apparecchi autonomi per la respirazione a sistemi con schiuma a espansione.
Impianti a schiuma alta, media e bassa espansione
Sono sistemi costituiti da: “apparecchiature per l’alimentazione dell’acqua, un contenitore di liquido schiumogeno, condutture e valvole che portano il materiale estinguente al punto di utilizzo e da attrezzature che, in funzione del tipo di schiuma, lasciano o versano la stessa sul materiale in combustione”
Le apparecchiature componenti l’impianto svolgono la funzione di miscelare, in prima fase, l’acqua con lo schiumogeno e successivamente, la miscela, con l’aria in rapporti predeterminati, per l’ottenimento della schiuma formata che è il materiale estinguente che agisce sull’incendio. La prima fase può essere realizzata : “per aspirazione diretta mediante eiettori, per iniezione diretta mediante pompe, per miscelazione con proporzionatore meccanico automatico o con l’impiego di premescolatori a spostamento di liquido.
La seconda fase può essere realizzata tramite generatori di schiuma, lance a schiuma a bassa e media espansione, ugelli e monitori dotati di lance a schiuma. La scelta delle apparecchiature da installare e il loro dimensionamento e posizionamento dipendono da scelte tecniche del progettista che, tenuto conto della normativa tecnica di riferimento, – NFPA, e dell’analisi del rischio, individua le soluzioni più idonee.
L’elemento base della schiuma è il liquido schiumogeno che è di vario tipo e di diversa concentrazione a seconda dell’utilizzo e che viene miscelato con acqua, in rapporto variabile dal 3% al 6% e con l’aria tramite apparecchiature sopra citate, per dare origine all’estinguente: “Schiuma che può essere a bassa, media e alta espansione”. La schiuma fluisce liberamente sulle superfici incendiate e forma una coltre che divide la superficie dell’incendio dall’aria provocando l’azione di soffocamento. L’altra azione estinguente di rilevante efficacia è quella di raffreddamento dovuta alla reazione endotermica, determinata dal cambiamento di stato, da liquido a gassoso, dell’acqua.
La seconda fase può essere realizzata tramite generatori di schiuma, lance a schiuma a bassa e media espansione, ugelli e monitori dotati di lance a schiuma. La scelta delle apparecchiature da installare e il loro dimensionamento e posizionamento dipendono da scelte tecniche del progettista che, tenuto conto della normativa tecnica di riferimento, – NFPA, e dell’analisi del rischio, individua le soluzioni più idonee.
L’elemento base della schiuma è il liquido schiumogeno che è di vario tipo e di diversa concentrazione a seconda dell’utilizzo e che viene miscelato con acqua, in rapporto variabile dal 3% al 6% e con l’aria tramite apparecchiature sopra citate, per dare origine all’estinguente: “Schiuma che può essere a bassa, media e alta espansione”. La schiuma fluisce liberamente sulle superfici incendiate e forma una coltre che divide la superficie dell’incendio dall’aria provocando l’azione di soffocamento. L’altra azione estinguente di rilevante efficacia è quella di raffreddamento dovuta alla reazione endotermica, determinata dal cambiamento di stato, da liquido a gassoso, dell’acqua.
Impianti antincendio a schiuma
Sono sistemi costituiti da: “apparecchiature per l’alimentazione dell’acqua, un contenitore di liquido schiumogeno, condutture e valvole che portano il materiale estinguente al punto di utilizzo e da attrezzature che, in funzione del tipo di schiuma, lasciano o versano la stessa sul materiale in combustione”.
Le apparecchiature componenti l’impianto svolgono la funzione di miscelare, in prima fase, l’acqua con lo schiumogeno e successivamente, la miscela, con l’aria in rapporti predeterminati, per l’ottenimento della schiuma formata che è il materiale estinguente che agisce sull’incendio. La prima fase può essere realizzata : “per aspirazione diretta mediante eiettori, per iniezione diretta mediante pompe, per miscelazione con proporzionatore meccanico automatico o con l’impiego di premescolatori a spostamento di liquido.
Premescolatore a spostamento liquido
Serbatoio:
Fondi e fasciami in Fe 410.1.KW.
Flange miscelatore in ASTM A 105.
Flange tubazioni serbatoi in ASTM A 105.
Tubazioni serbatoi in API 5L.
Tubo miscelatore in ASTM A 105 Gr. B.
Valvole di intercettazione acqua-schiumogeno, a sfera, in acciaio inox, a comando elettrico e manuale.
Valvole a sfera indicatrici di livello.
Valvola di sicurezza.
Valvola a sfera di drenaggio.
Membrana interna in Hypalo-Neoprene.
Miscelatori:
Campo di lavoro variabile da 1 a 6.
Ugello acqua in acciaio inox AISI 304.
Ugello schiumogeno in acciaio inox AISI 304.
Vantaggi:
facile controllo di eventuali perdite della membrana.
Scarico rapido e totale dell’acqua.
Possibilità di prelevare schiumogeno.
Possibilità di commutazione dei serbatoi con comandi elettrici a distanza o manuali locali.
Norme di riferimento: ASME e ISPESL
Impatto ambientale
MONITORE SCHIUMA
Consente di formare e di lanciare la schiuma sul punto di utilizzo. Può essere fisso o autoscillante.
Generatore schiuma ad alta espansione
Consente di formare una schiuma con rapporto di espansione 100: 1000.
Consente di formare una schiuma con rapporto di espansione 10: 100.
LANCIA SCHIUMA MEDIA ESPANSIONE
Consente di formare una schiuma con rapporto di espansione 10: 100.
VERSATORE CON LANCIA
Consente di formare una schiuma e convogliarla all’interno dei serbatoi di liquidi infiammabili.

P. IVA 02715860546